Consigli in caso di ritardo aereo

Il 28 Settembre 2018 c’è stato l’ennesimo ritardo aereo firmato Ryanair, la compagnia low cost irlandese sempre al centro di questi scioperi che causano non pochi disagi ai consumatori. Se siete stati vittima di questo o di uno degli altri innumerevoli scioperi, leggete questo articolo per avere consigli su un rimborso per il ritardo aereo o la cancellazione e anche per cosa fare in queste eventualità.

I soliti noti

Lo scorso 28 Settembre 2018 in molti aeroporti numerosi passeggeri hanno visto cancellato il loro volo o sono state vittime di un ingente ritardo aereo, a causa di uno sciopero. E di chi sarà mai lo sciopero? Neanche a dirlo, sempre lei: quella che potremmo definire la Regina degli scioperi, ovvero Ryanair. La compagnia economica irlandese sembra proprio non voler cercare di rimediare ai propri errori, continuando in un circolo vizioso che probabilmente, alla lunga e continuando su questa strada potrebbe portarle via non pochi clienti.

Ma quale sarebbe il motivo di questo nuovo sciopero, che ha visto disagi come la cancellazione o il ritardo aereo (per entrambi si può chiedere il rimborso, ma ci arriviamo) di oltre 190 voli? Anche qui, siamo sempre alle solite: sono i dipendenti (piloti e personale di cabina) che ancora non hanno ottenuto i loro diritti, ricevendo molto meno in quanto a stipendio di ciò che sarebbe loro dovuto. Tuttavia c’è un dato positivo: questo sciopero sarebbe stato indetto per continuare un trend positivo dato (finalmente!) dagli scioperi di luglio e agosto – anch’essi non privi di disagi, magari in uno di questi c’eravate voi – che ha fatto procedere anche notevolmente le negoziazioni sindacali.

Tuttavia, al di là dei successi del personale di Ryanair di cui ovviamente siamo molto felici e orgogliosi, resta il fatto che il 28 Settembre 2018 ancora una volta centinaia di consumatori hanno ricevuto con pochissimo anticipo la notizia della cancellazione del volo o addirittura e questo senza preavviso si sono visti arrivare o partire un volo con un ritardo aereo decisamente importante. Cosa fare? Ecco 4 consigli per non essere presi alla sprovvista la prossima volta (se ci sarà).

  1. Aggiornamento continuo

In caso di ritardo aereo è difficile capire se ci sarà e di quanto lo sarà, tuttavia tenendo costantemente aggiornato il sito della compagnia irlandese potreste farvi un’idea. Stesso discorso vale in caso di cancellazione e se proprio non volete usare la piattaforma web di Ryanair potete tenervi aggiornati anche sui siti degli aeroporti (come Milano Bergamo, Roma Ciampino ecc.)

  1. Fascia protetta?

Spesso, per ignoranza involontaria dovuta al fatto che non è il nostro settore quotidiano di riferimento, non sappiamo che nonostante lo sciopero ci sono delle fasce protette, che sono quelle 7-10 e 19-21. Se il ritardo aereo o la cancellazione avvengono in questa fascia, le probabilità di rimborso sono praticamente al 100% e si aggirano dai 250 ai 600 euro in base alla distanza del volo. Quindi controllate sempre!

  1. Cambiare aria

Letteralmente. Infatti se in caso di ritardo aereo o cancellazione l’urgenza di raggiungere il luogo rimane, fate prima a cambiare volo e compagnia chiedendo poi naturalmente il rimborso a Ryanair, ottenendo una piccola compensazione su un volo sicuramente più caro rispetto ai prezzi che propone la compagnia low cost. Ma è comunque una scelta molto intelligente, che consente di risparmiare non poco tempo visto che se no dovreste aspettare tantissime ore se non il giorno successivo per partire.

  1. Chiedere il rimborso per il ritardo aereo (o per la cancellazione)

Sappiate inoltre che da molto poco se lo sciopero è una conseguenza di una decisione aziendale, è la compagnia diretta responsabile perché è considerato qualcosa che poteva controllare. Non fatevi problemi, quindi, a chiedere il rimborso. Se vi serve una mano andate su www.flycare.eu, piattaforma specializzata nei rapporti legali (detto in maniera esagerata) tra clienti e compagnie e forte, tra le altre cose, di poter rilasciare dei moduli per la richiesta del rimborso!

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *